Pereto (AQ)
Atti

Home
Su
bolla di papa Stefano IX
bolla di papa Pasquale II
bolla di papa Clemente III
Decime chiese della Marsia


Blog

Archivio

 

 

9 dicembre 1057

bolla di papa Stefano IX

inviata nel 1057 al Vescovo dei Marsi Pandolfo della famiglia comitale dei Marsi, in cui si conferma al vescovo tutto il territorio marsicano dal Carseolano all’alta valle del Sangro, compreso Capistrello e a tutta la valle di Nerfa
25 febbraio 1115

bolla di papa Pasquale II

Bolla inviata a Berardo dall'amico papa Pasquale II in cui sono in modo certo definiti i limiti della diocesi, le chiese appartenenti al vescovo e un forte richiamo ai feudatari locali

Nella Bolla sono chiaramente definiti i limiti della Dioecesis Marsorum con un territorio compreso fra il Carseolano e l’inizio dell’alta Valle del Sangro con una diffusione nel territorio, ancora non completa ma testimoniata dalla presenza di 59 chiese (compresa S. Sabina), di cui sette pievi

31 maggio 1188

bolla di papa Clemente III

pontificia che Clemente III inviò ad Eliano, Vescovo della Diocesi dei Marsi, che allora risiedeva nella cattedrale di S. Benedetto (Di Pietro A., Agglomerazioni delle popolazioni attuali nella diocesi dei Marsi, 1869 e 1873, pag. 315).

Il Papa scrisse al Vescovo trasmettendo un elenco di 117 centri abitati con le rispettive Chiese da ritenere di sicura appartenenza della S. Sede

6 luglio 1495

Federico II d’Aragona

concesse a Fabrizio Colonna ed ai suoi eredi l’investitura totale delle terre, appartenute a Virgilio Orsini e successivamente devolute al regio fisco a causa della sua ribellione
6 luglio 1497

elenco del re Federico II d’Aragona

due diplomi di riconferma dei feudi marsicani a Fabrizio Colonna
3 febbraio 1499

Federico II d’Aragona

riconosceva ai Colonna le contee di Tagliacozzo ed Albe, con le baronie di Valleroveto e di Carsoli
Decime Decime di Sella

  


© 2001-2015  - Disclaimer