Pereto (AQ)
Detti popolari

Home
Su


Blog

Archivio

Comune

Pro Loco

Universit III et

 

 

Appulla quanno appulla la caglina e quanno canta glialle t cammina.
Vai a dormire presto la sera ed alzati al mattino all'alba.

Se trucchi tutti i sassi la sera regliugni co le scarpe spontate.
Non bisogna soffermarsi su qualsiasi cosa talvolta necessario sorvolare.

Onn te magn quant' ha e mancu dice vello che s.
Non dissipare il tu o patrimonio e non dire i tuoi segreti.

Se v l' acqua dalla Rocca piglia la zappa e tocca.
Quando il contadino di Pereto nota le nubi sopra il paese di Rocca di Botte abbandona il campo perch di sicuro arriva il temporale.

Ognuno all'arte sea egli jupu alle pecore.
Ogni lavoro deve essere fatto con competenza da chi del mestiere.

Chi pecora se f u Jupu se l magna,
Non bisogna essere sempre troppo disponibili con persone che non meritano e si approfittano degli altri.

Chi t la moglie bella sempre canta chi t tanti quadrini sempre conta.
Il marito contento della moglie bella e canta cos come il ricco che vuole accrescere sempre di pi il suo patrimonio contando i soldi.

Uscio de casa mea o mena guerra.
La propria casa sempre un luogo sicuro.

Vale pi n chiamata che n zinata.
E' pi efficace una parola di conforto che un dono fatto senza amore.

Chi on sa fegne e trafan a quistu munnu on ce post.
Colui il quale non riesce a fingere in determinate situazioni si trover male.

La pasta pi la mini e pi s'affina j' omo pi cammina e pi s' mpara .
Come la sfoglia pi viene lavorata e pi diventa fina; cos l'uomo migliora le sue capacit attraverso le esperienze vissute.

O n affogatu chi s' affoga alI' acqua pi affogatu chi male ce ncappa.
E' peggio incontrare una persona perfida che morire affogato.

Sopra lo cottu l' acqua bullita.
La persona che ha avuto pi disgrazie contemporaneamente.

Quanno u voe on v ar a tempu a ciufel.
Quando il bue come l' uomo non vuole impegnarsi nel lavoro ogni tentativo inutile.
 

Addo ci sta gustu, 'on ci sta perdenza.
Dove c'e gusto, non c' perdenza.

Addo 'on te tocca, 'on mette occa.

Dove non ti tocca non metter bocca.
Non immischiarti nelle cose altrui.

Alla Rocca o ce pie o ce ficca

A Rocca di Botte o ci piove o ci nevica.

Se pie alla Rocca chiappa la zappa e tcca

Se piove a Rocca di Botte prendi la zappa e vai via.

Alla iatta 'on se nzenga la via 'ella dispenza.
Alla gatta non si insegna la via della dispensa.

Alla orba i piace u pullaru.
Alla volpe piace il pollaio.

A chi scanzafatica, 'gni vanga i fa fatica.
A chi scanzafatica, ogni vanga gli fa fatica.

Amicizia e iornata, subbitu scordata.
Amicizia di giornata, presto scordata.

A taula e a lettu, senza rispettu.
A tavola e a letto, senza rispetto.

Amnazza, amnazza, tutta na razza.
Ammazza, ammazza, tutta una razza.

Acqua d'abbrile, gni goccia nu barile.
Acqua di Aprile, ogni goccia un barile.

A San Martinu, rapri la otte e assaggia lo vinu.
A San Martino, apri la botte e assaggia il vino.

A tuttu se remedia, forch alla morte.
A tutto si rimedia, fuorch alla morte.

Alla chiesa vacce, alla legge stacce.
Alla chiesa vacci, alla legge soggiaci.

Attacca l'asena addo u padrone.
Lega l'asino dove vuole il padrone.

Arcubalenu de mmatina, u munnu se fina.
Arcobaleno di mattina, il mondo finisce.

Arcubalenu de sera, beju tempu se spera.
Arcobaleno di sera, buon tempo si spera.

A vello che vidi criice pocu, a vello che senti on ce cre pe' gnente.
A quello che vedi credici poco, a quello che senti non crederci per niente.

Bella faccia, u core allaccia.
Bella faccia, il cuore conquista.

Chi 'ella robba 'e gli atri se veste, prestu se sveste
Chi si veste della roba degli altri, presto la toglie.

Chi va a caccia senza cani, rencasa senza lepiri.
Chi va a caccia senza cani, torna a casa senza lepri.

Cunsigliu 'e vecchiu e forza 'e giovane.
Consiglio di vecchio e forza di giovane.

Chi t i quattrini costruisce, chi ne t di pi rifinisce, chi 'on gli t disegna.
Chi possiede quattrini costruisce, che ce ne ha di pi rifinisce, chi non ce l'ha disegna.

Chi p no v, chi v no p.

Chi pu non vuole, chi vuole non pu.

Chi v, va; chi 'on v, manna.
Chi vuole va, chi non vuole manda.

Chi compra quanno 'on p, venne quanno 'on v.
Chi compra quando non pu, vende quando non vuole.

Chi 'm'occa t lo fle, on p sputa lo mle.
Chi in bocca ha il fiele, non pu sputare miele.

Cogli matti 'on se fau patti.
Con i matti non si fanno patti.

Chi t prescia, s'asce.
Chi ha fretta, si sieda.

Chi moglie 'on t, moglie mant.
Chi non ha moglie, mantiene altra donna.

Chi va pianu, va sanu e va lontanu.
Chi va piano, va sano e va lontano.

Chi va forte, va ncontro alla morte.
Chi va forte, va incontro alla morte.

Chi bruttu, pure disgraziatu
Chi brutto, pure disgraziato.

Comme me soni, te ballo.
Come mi suoni, ti ballo.

Chi te da fa 'on dorme.
Chi ha da fare, non dorme.

Chi se scusa, s'accusa.
Chi si scusa, s'accusa.

Nebbia bassa, acqua 'on passa.
Nebbia bassa, l'acqua non passa.

Nebbia bassa, conme tra lassa.
Nebbia bassa, come trova lascia.

'On fa bene agli micchi ca se nne scordanu, 'on fa bene agli vecchi, ca se moru;
Non far del bene ai bambini perch se ne scordano, non farlo ai vecchi perch muoiono.

Pacienza vita mea se paghi pena, scunti pe' quanno si fattu vita bbona.
Pazienta vita mia se soffri, sconti per quando hai fatto vita buona.

Patti chiari, amicizia longa.
Patti chiari, amicizia lunga.

Pi ce pensi e pi ce mitti.
Pi ci pensi e pi ci metti.

Parl senza pens, e comme spar senza mir.
Parlare senza pensare e come sparare senza mirare.

Pane 'e iornata e vinu 'e annata.
Pane di giornata e vino d'annata.

Vigli che ballanu senza soni, o so matti o so mbriacuni.
Quelli che ballano senza suoni, o sono matti o sono ubriaconi.

Vello che se fa la notte, se vede la d appressu.
Quello che si fa la notte, si vede il giorno dopo.


2001 - Disclaimer