Pereto (AQ)
bolla di papa Pasquale II

Home
Su


Blog

Archivio

Comune

Pro Loco

Università III età

 

 

Bolla di Pasquale II

[Bullarum Romanorum, II, pp. 151-152]

Testo in latino

Pascalis Episcopus Servus Servorum Dei. Dilecto filio Berardo Marsicanae Ecclesiae Episcopo ejusque succerobis canonicae substituendis in perpetuum. Sicut injusta petentibus nullus est tribuendus effectus, sic legitime desiderandium non est differenda petitio. Tuis igitur, frater in Christo charissime, precibus annuentes, ad perpetuam Sancta Matris Ecclesia pacem, et stabilitatem praesentis decreti stabilitate sancimus, ut universus parochiae fines, sicur a tuis antecessoribus usque hodie possessae sunt, ita emninò, iam tibi, quam successoribus in perpetuum conserventur, qui videlicet finis a Tutti Ferraria decurrunt in Caput Corrit, inde per viam de Merso in Postellam de valle Putrida, per terra de Feresca  per Argatonem, per terra de Camno, per terram Formellae, inde ad Molinum veterem, inde ad Furcam Aurae per terram de Vivo, per terram de Troja, inde ad Pasculum Canalis, inde ad Pennam Imperatoris per terram de Cervara, inde ad Sancti Britium per Furcam de Auricula, inde de Arcum de Sancti Georgii, per flumen Risanae, per Turres de Ofrano, per Scalellas, per Tufum fluvii remandi, per Trepontum inde ad Vulpem mortuam per Buccam de Teba, per Campum de Pezza, per Rivum Gambararum, per terram de Candidam, per Venetrinum, et redeunt ad Furcam Ferrati: intra quos fines quaecumque oppida, quaecumq; Villae, quacumque plebes, quacumque Ecclesiae sitae sunt, aut in posterum fuerint sub tua, et tuorum Catholicorum successorum Episcopali providentia, et dispositione permaneant, et ex eis omnibus Episcopalia vobis jura solvant, tam in clericorum ordinationibus, et Ecclesiae consecrationibus, quam in redditu decimarum et oblationum, sive in correctionibus delinquentium Sanè illam Monachorum pravam presumptionem, qua partim Episcoporum absentia, partim eorum pervicacia in Marsorum finibus omnimodo inhibemus, ut nec baptismata ulterius in Monasteriis faciant, nec ad infirmorum unctiones claustris progredi audeant, nec ad poenitentiam injungendam populares personas admittant, nec ab Episcopo excommunicatos ad communionem, nec interdictos ad officia sacra suscipiant. Porrò Ecclesima B. Savine Martyris Matricem semper haberi, sicut hactenus habita est, et illic Episcopalem sedem permanere decernimus, et in eius possessione, ac jurisdictione Ecclesia cum praediis suis, quae praeteritis temporibus possissa sunt, etiam in futurum perpetuis temporibus quietè liberè integrèque serventur, idest
Sancti Pauli ad Pesculum Serulae,
Sancta Mariae in Campo Mitio,
Sancti Nicolai ad fontem Reginae,
Sancti Quintini in Vico,
Sancti Martini in Agne,
Sancti Martini in Betorrita,
Sancti Archangeli super Mesula,
Sancta Mariae in Ortucula,
Sancta Mariae, et Petri in Veneri,
Sancti Felici in Ferrati,
Sancti Valentini, et Sancti Petri in Apiniacis,
Sancti Marci in Geno,
Sancti Martini in Filincino,
Sancti Petri in Cerverano,
Sancti Joannis in Pentoma,
Sancti Marcelli, et Sancti Angeli in Arca,
Sancta Mariae in Palute,
Sancta Anatoliae de Lione,
Sancta Felicitatis in Cerferio,
Sancti Laurentii in Praetorio,
Sancti Feliciani in Villa Magna,
Sancta Mariae in Avando,
Sancti Viti in Ozano,
Santa Christine in Supezzano,
Sancti Georgii in Besola,
Sancti Joanni ad Caput Aquae, cum titulis suis,
Sancti Patiti ad Castellum,
Sancti Felicis in Porciano,
Sancti Laurentii in Curia,
Sancti Caesidii, cum titulis suis,
Sancti Vincentii in Forma cum titulis suis,
Santi Andrea in Ancezzano,
Santa Mariae in Vico,
Sancti Petri in Capistrello,
Sancti Petri, et Sancta Mariae in Albe,
Sancti Marci in Massa,
Sancti Martini in Valle cum titulis suius,
Sancti Joannae in Marano,
Sancti Felicis in Montecelle,
Sancta Mariae in Elireto cum titulis suis,

Sancti Nicolai in Erse,
Sancta Mariae in Furca,
Sancti Erasmi cum titulis suis,

Sancti Andrea in Casellaco,
Sancti Maximi in Cerro,
Sancta Victoriae in Cellis,
Sancti Mariae in Carseo cum titulis suis.
Praeterea quaecumque possessiones, quaecumque praedia ad eandem ecclesiam legitimè pertinere noscuntur, aut in futurum largiente Domino quibuslibet justis modis, vel contractibus poterit adipisci, tibi, et tuis successoribus, illibata permaneant, decernimus. Ergo nulli omnino hominum liceat, suprafatam Ecclesiam temere perturbare, aut ejus possessiones auferre, vel ablatas retinere, vel injuste datas sui usibus vendicare, minuere, vel temerariis vexationibus fatigare sed omnia integrè conserventur tam tuis, quam Clericorum usibus profutura si quis igitum in crastinum Archiepiscopus, aut Episcopus Imperator, aut Rex, Princeps, aut Dux, Comes, Vicecomes, Judex, Casteldio, aut Ecclesiastica quaelibet secularis personas hanc nostram constitutionis paginam Sciens, contra eam temere venire tentaverit, secundo, tertiovè commonita, si non satisfecerit, congruè emendaverit, potestatis, honorisque, seu dignitatis careat privilegio, reamque se Divino judicio existere de pepetrata iniquitate cognoscant, et a sacrissimo Corpore, et Sanguine Domini Redemptoris nostri Iesu Christi aliena fiat, atque in exstremo examine districtè ultioni subjaceat. Cunctis autem Ecclesiae jura sua servantibus sit pax Domino Nostro Iesus Christi quatenus et hic fructum bonae actionis percipiant, et apud districtum judicem proemia aeterni Patri maneant Amen Amen
Scriptum per manum Gervasii scriptoris regionarii, et notarii Sacri Palatii.

Ego Paschalis Catholicae Ecclesiae Episcopus ff.
Ego Ricardus Albanensis Episcopus ff.
Ego Leo Episcopus Ostiensis ff.
Ego Cono Praenest Ecclesiae Episcopus ff.
Ego Romanus Cardinalis Sanctae Priscae ff.
Ego Benedictus Cardinalis titulis Eudoxiae ff.
Ego Cardinalis Raynerius Sanctissimi Marcellini, et Petri ff.
Ego Conradus Sanctae Pudentianae Cardinalis ff.
Datum Laterani per manum Ioannis S.R.E. Cardinalis et Bibliothecarii v, Kalelendas Martii, Indictionis vij, Incarnationem Domino anno MCXV. Pontificatus quoque Domino Paschalis II Papae anno XV.

 


Traduzione in italiano

[Trad. Giuseppe Grossi]

 

“PASQUALE Vescovo, Servo dei Servi di Dio, al diletto figlio Berardo, Vescovo della Chiesa marsicana, e ai suoi successori da eleggere canonicamente, per sempre.

Come a coloro che pretendono cosa ingiusta nessuna soddisfazione è da dare, così non si devono eludere le richieste di quanti aspirano a disposizioni legittime. Aderendo, perciò, alle tue richieste, o carissimo fratello in Cristo, per la pace per­petua e la stabilità di Santa Romana Chiesa, con la fermezza del presente decreto, stabiliamo che tutti quanti i territori della tua Diocesi siano stabilmente conservati a te e ai tuoi successori, così come dai tuoi predecessori, fino ad oggi, sono stati pos­seduti. Tali territori, com'è noto, da Forca Ferrato scendono all'estremità di Carrito; di li, per la via di Merso, alla Portella di Valle Putrida, attraverso la terra di Feresca, l'Argatone, la Serra di Scanno, la Serra di Formella; di lì al Mulino Vecchio; di lì a Forca d'Acero, attraverso la Serra di Vivo e la Serra di Troia; di lì a Pescocanale, di li alla Pietra dell'Imperatore, attraverso la Serra di Cervara; di lì a S. Brizio, attra­verso la Forca di Oricola; di lì all' Arco di S. Giorgio attraverso il fiume Sisara, le torri di Ofrano, attraverso le Scalelle, Tufo, il fiume Remando, Treponto; di lì alla Volpe Morta, per la Bocca di Teve, per il Campo di Pezza, per il Rio Gamberale, per la Serra di Candida, per Ventrino, e ritornano a Forca Ferrato.

Tutti i castelli, tutti i villaggi, tutte le genti e tutte le chiese, che sono entro que­sti territori, o vi saranno in appresso, rimangano sotto la giurisdizione episcopale tua e dei tuoi successori legittimi, e da tutti vengano rispettate le prerogative episcopa­li, tanto nelle ordinazioni dei Chierici e nelle consacrazioni di chiese, quanto nella riscossione delle decime e delle offerte, o anche nella correzione dei delinquenti. Riproviamo, nel modo più assoluto, quella rea presunzione dei Monaci, che, in parte per l'assenteismo dei Vescovi, in parte per la loro pervicacia, è invalsa nei territori dei Marsi. Sia loro impedito, per l'avvenire, di impartire il Battesimo nei monaste­ri; non osino procedere, nei loro chiostri, alle unzioni degli infermi; non ammettano alla Confessione individui volgari, né, alla Comunione, gli scomunicati dal Vescovo; non assumano, infine, per le Sacre Funzioni, i colpiti da interdizione.

Oltre a ciò, abbiamo decretato che la chiesa di S. Sabina Martire sia ritenuta, come fino ad ora è stata, la chiesa Matrice e anche la Sede episcopale sia presso essa ubicata. In possesso e sotto la giurisdizione di questa chiesa siano conservati anche, per il futuro, per sempre e pacificamente, liberamente ed integralmente, i territori che, nei tempi passati, furono di sua spettanza: vale a dire quelli di S. Paolo presso Pescasseroli, di S. Maria di Campomizzo, di S. Nicola presso la Fonte della Regina, Di S. Quintino in Vico, Di S. Martino in Agne, Di S. Martino in Bettorita, Di S. Arcangelo sopra Mesula, di S. Maria in Ortucchio, di S. Marco e S. Pietro in Venere, di S. Felice in Vado Albonis, di S. Angelo in Parasano, di S. Quirico in [Melogne], di S. Rufino in Ferrati, di S. Valentino e di S. Pietro in Apinianici, di S. Marco in Geno, S. Lorenzo in Atrano, S. Calistrato e S. Cipriano nella Civita (Marsicana), di S. Martino in Filimino, di S. Pietro in Cervarano, di S. Giovanni in Pentoma, di S. Marcello e S. Angelo in Arco, di S. Maria in Palude, di S. Anatolia di Leone, di S. Felicita di Cerfennia, di S. Lorenzo in Pretorio, di S. Feliciano in Villa Magna, di S. Maria in Avenoso, di S. Vito in Ozano, S. Cristofaro in Subezzano, S. Giorgio in Pe(n)sula, di S. Giovanni presso Capo d'Acqua con tutti i suoi privilegi, di S. Potito presso il Castello, di S. Felice in Porciano, di S. Lorenzo in Cuna, di S. Cesidio con tutti i suoi privilegi, di S. Vincenzo in Forma con i suoi privilegi, di S. Andrea di Avezzano, di S. Maria in Vico, di S. Pietro di Capistrello, di S. Pietro e S. Maria in Albe, di S. Marco in Magliano, di S. Martino in Valle con i suoi privilegi, di S. Giovanni in Marano, di S. Felice in Monticello, di S. Maria in Eloreto con i suoi pri­vilegi, di S. Nicola in (N)erfe, di S. Maria in Forca, di S. Erasmo con i suoi privile­gi, di S. Andrea in Cesellato, di S. Massimo in Cerro, di S. Vittoria in Celle, di S. Maria in Carsoli con i suoi privilegi.

Oltre a ciò, stabiliamo che tutti i possedimenti e tutti i campi che si riconoscono appartenere legittimamente a detta Chiesa, o che, con l'aiuto del Signore, si potran­no ottenere in qualsiasi altro modo o per contratto, rimangano stabili ed intatti per te e per i tuoi successori. A nessuno, dunque, assolutamente, sia lecito turbare la tua Chiesa o sottrarle dei possedimenti, o tenerli, una volta sottratti, o adibirli ad usi diversi dai propri, se dati in affitto; ridurli o svilirli con arbitrarie modifiche; ma tutti siano conservati intatti, per poter giovare tanto agli usi tuoi, quanto a quelli dei Chierici e dei Poveri. Perciò, se in avvenire qualche Arcivescovo o Vescovo inve­stito di poteri più alti, o Re, Principe, Duca, Visconte, Giudice, Castaldo, o qualsi­voglia persona ecclesiastica o laica, pur al corrente di questa nostra Costituzione, tenterà temerariamente di contrastarla, se non avrà soddisfatto al secondo o terzo richiamo e non avrà adeguatamente risarcito l'affronto, sia privato della dignità del potere e della carica e sappia di essere colpevole, per Divino Giudizio, dell'iniquità commessa, e sia escluso dai Sacramenti e, nel Giudizio Finale, soggiaccia a duro spasimo. Con tutti quelli, invece, che rispetteranno i diritti propri della Chiesa, sia pace di Nostro Signore Gesù cristo in ogni tempo, e qui ricevano il frutto della buona azione e attendano i premi dell'Eterno Padre presso il Supremo Giudice. Così sia, cosi sia.

Scritto per mano di Gervasio, Scrittore Regionario e Notaio del Sacro Palazzo. lo Pasquale, Vescovo della Chiesa Cattolica sottoscrissi.

Io Riccardo, Vescovo di Albano sottoscrissi.

Io F. Leone, Vescovo di Ostia sottoscrissi.

Io Comone, Vescovo della Chiesa Prenestina sottoscrissi.

Io Romano, Cardinale della Chiesa di S. Prisca sottoscrissi.

Io Benedetto, Cardinale di S. Eudosso sottoscrissi.

Io Cardinale Raniero dei Santi Marcellino e Pietro sottoscrissi.

Io Corrado, Cardinale di S. Pudenziana, sottoscrissi.

Dato in Laterano, per mano di Giovanni, Cardinale Bibliotecario di Santa Romana Chiesa, il 25 febbraio, VII Indizione, nell'anno 1115 dall'Incarnazione del Signore, nel XV anno del Pontificato del Signor Papa Pasquale II”.


© 2001 - Disclaimer